Ricerca:
Lingue: Italiano English

CULLEN OMORI L'ALBUM DI DEBUTTO SOLISTA "NEW MISERY" ESCE IL 18 MARZO SU SUB POP  
12.01.2016
 
CULLEN OMORI ANNUNCIA IL SUO DISCO DI DEBUTTO
“NEW MISERY” 


IN USCITA IL 18 MARZO SU SUB POP 
Photo credit: Alexa Lopez
 
 
 
 
 
 
Il prossimo 18 marzo Cullen Omori, ex frontman degli Smith Westerns, pubblicherà il suo album di debutto, “New Misery” su Sub Pop Records. L’album, i cui brani di spicco sono ‘Cinnamon’ e ‘Sour Silk’, è stato prodotto da Shane Stoneback (Sleigh Bells, Fucked Up, and Vampire Weekend) presso gli oramai chiusi Treefort Studios, ed è stato masterizzato da Emily Lazar (Sia, HAIM, Vampire Weekend, Arcade Fire, and Bjork) al The Lodge.
 
Guarda subito' Cinnamon',video di debutto diretto da Abigail Briley Bean.
 
Omori ha iniziato a lavorare su progetti solisti all’inizio del 2014 e adesso ha ultimato “New Misery”, una collezione di 11 canzoni create sulla base del suo personale passato musicale, mentre sta andando verso il futuro di ciò che la chitarra rock potrebbe essere. Le sue canzoni uniscono un pop insieme oscuro e gioioso con melodie vocali e agganci immediati ma che, allo stesso tempo, richiedono di essere ascoltati ancora e ancora.
 
Per saperne di più su Cullen Omori:
Cullen Omori sa che è un falso cliché il fatto che non ci siano seconde possibilità in America. Ma, dopo lo scioglimento nel 2014 della sua acclamata band Smith Westerns, quel cliché è diventato la sua grande paura. Il suo album di debutto solista “New Misery”, in uscita il 18 marzo su Sub Pop Records, è un cambiamento deciso rispetto alle sue passate preoccupazioni: un album che va oltre il forte glam degli Smith Westerns verso nuove sonorità, nuove fonti di ispirazione, e verso una maggiore consapevolezza di sé.
 
Ho come la sensazione che forse il momento culminante della mia vita, sia come musicista che come persona” dice Omori, che ha debuttato nell’industria musicale con gli Smith Westerns, band nata a Chicago ai tempi del liceo divenuta poi enorme a livello internazionale.
 
Mentre “New Misery” ha avuto origine da un periodo difficile per Omori, dal punto di vista personale e professionale, lui dice che il titolo riflette “non tanto la sofferenza che deriva dal fallimento, quanto i problemi e le complessità che caratterizzano ogni tipo di successo. Il trucco non è volere di più, ma volere qualcosa di diverso”.
 
La traccia che ha dato il titolo all’album è una trasognante riflessione su questi sentimenti, ma è anche una linea guida per l’evoluzione musicale di Omori. “L’inizio della canzone ha un andamento lento, poi attacca con due assoli”, afferma. “Il primo è di chitarra e ricorda quelli degli Smith Westerns. Quello che segue è di tastiera e cambia molto rispetto agli assoli tipici della mia band precedente.” I sintetizzatori giocano un ruolo più importante nel nuovo progetto musicale di Omori rispetto al ruolo che avevano negli Smith Westerns, il cui rock era alimentato da una chitarra vera e propria, come accade per una vasta gamma di gruppi, fra cui Roxy Music, INXS, Spiritualized, Wilco, Garbage, Hall & Oates, Kate Bush, U2, e Sparks. C’è anche una più esplicita vena pop, ispirata dalle top 40 che Omori ascoltava alla radio mentre lavorava per una società di forniture mediche pulendo barelle e sedie a rotelle.
 
 
“C’è così tanta sporcizia negli ospedali, fra lanugine e garze con il sangue secco sopra. Dovevamo pulire, questo era terapeutico in qualche modo, e mentre pulivamo ascoltavamo la radio. Poi andavamo a casa di Adam (Adam Gil), tutt’ora membro della band, e registravamo delle demo, creando lo scheletro di quello che sarebbe diventato “New Misery”. Non posso permettermi di dire che sto per scrivere una canzone come quelle di Sam Smith, Adele o di qualcun’altro di simile. Al massimo posso dire che stiamo creando questa sorta di strano ibrido che esprime la mia concezione del pop.” Il maggior esempio a riguardo è il nuovo singolo venato di wave ‘Cinnamon’, che Omori descrive come “dark pop, è veloce, ma ha anche tutti i colori e le tonalità tipiche del dark. È ironico che rappresenti come mi sentivo a livello emozionale, perché sai, avrò anche fatto questa canzone pop, ma non penso di essere pop star. Mi vedo di più come una merda che una pop star.”
 
 
Insieme a Omori, nelle canzoni di “New Misery” sono presenti il basso e le tastiere di Ryan Mattos, la batteria di Loren Humphrey e la chitarra di James Richardson. Ma, a differenza del ruolo più distribuito che aveva negli Smith Westerns, adesso Omori ha scritto, composto, e corretto quasi ogni parte del nuovo album, iniziando realmente un nuovo capitolo della sua crescita creativa e a lungo temine.
 
 
“La gente potrebbe dire, ‘Oddio, la tua band sta andando alla grande, ti ho visto su internet!’ Ma il fatto che mi abbia visto su internet non equivale a guadagnare centinaia o migliaia di dollari o ad avere veramente successo. Quando ero più giovane credevo che la felicità derivasse dal successo ma, ora che sono cresciuto e ho più esperienza, mi ritrovo a pensare che la vera vincita personale sia mantenere il successo stabilmente nel tempo. Quando, a 25 anni, ho iniziato con Smith Westerns ero senza esperienza, solo adesso so suonare veramente. Scrivere e registrare queste canzoni da solo è stato catartico e adesso so dove voglio arrivare in futuro, prendere la mia chitarra e suonare è stato l’unico modo che conoscevo per riuscire rendermene conto.”
 
 
 
 
 
 

« | Indietro