Ricerca:
Lingue: Italiano English
 
LEE BAINS III & THE GLORY FIRES

Youth Detention

Prezzo: € 25,80

LEE BAINS III & THE GLORY FIRES È UNA BAND CHE HA TANTO DA RACCONTARE. DANDO VITA A UN SOUND NUDO E CRUDO FATTO DI PUNK, POWER POP, SOUL E PERSINO GOSPEL, HANNO REGISTRATO I 17 BRANI DI “YOUTH DETENTION”. UN DISCO IMPEGNATO, PREZIOSO, CHE TRATTA TEMI PESANTI IN MODO EFFICACE, CON CONSAPEVOLEZZA E VOGLIA DI ESSERE UN CARICATORE MORALE E SOCIALE PER IL MONDO DI OGGI.

FILE UNDER: ALTERNATIVE / PUNK / PUNK-POP

Registrato a Nashville, Tennesse, al Battletapes con l’ingegnere Jeremy Ferguson e il produttore Tim Kerr, Youth Detention di Lee Bains III & The Glory Fires cattura la band nella sua essenza più cruda e reale. Ogni brano è stato registrato in presa diretta, con i quattro che suonano nella stessa stanza senza cuffie o manipolazioni. Il risultato è meticolosamente umano, il mix di Lynn Bridges mantiene l’energia live della band e si impreziosisce, senza danneggiarsi, persino di alcune imprecisioni in qualche nota. La musica dei The Glory Fires ha profonde radici nel punk, ma attinge anche da soul, power pop, country e gospel. Si divide equamente tra cura dei dettagli e retaggio geografico. “È il suono di dove vivo” dice Bains. “Voglio conoscerlo. Voglio confrontarmici. Non voglio essere una band che viene da dovunque e potrebbe fare qualunque cosa. Per me, il punk rappresenta una scoperta di me e di quella che è la mia versione migliore. Non posso riuscirsi essendo qualcosa che non sono.” I brani sono profondamente radicati nelle esperienze di Bains nella sua città natale, Birmingham (AL). “Youth Detention” dipinge una città del Sud nei decenni di passaggio al nuovo millennio: nell’agonia di migrazioni, cessioni urbane, tensioni razziali, lotte di classe, gentrificazione, politiche di genere, omofobia, xenofobia, livori religiosi, de-industrializzazioni e scontri economici. I testi appartengono a qualunque luogo vogliamo. Il Sud esiste in tutto il mondo e, come il Sud, il mondo è succube di moltissime di queste tensioni e problematiche. I brani di “Youth Detention” sono nati per essere piccoli atti di resistenza a questi sistemi. Piccole stille di consapevolezza nella speranza che possano essere l’inizio di un più profondo, e globale, risveglio.

TRACKLIST CD/LP: 1. Breaking It Down! 2. Sweet Disorder! 3. Good Old Boy 4. Black & White Boys 5. Whitewash 6. Underneath The Sheets of White Noise 7. I Heard God! 8. Crooked Letters 9. I Can Change 10. The City Walls 11. Had To Laugh 12. Nail My Feet Down To The Southside of Town 13. Tongues of Flame! 14. Trying To Ride 15. The Picture of A Man 16. Commencement Address For The Deindustrialized Dispersion 17. Save My Life!

 
« | Indietro