Ricerca:
Lingue: Italiano English
 
ELLIOTT, MATT

The Calm Before

Prezzo: € 10,90
  • Etichetta ICI D'AILLEURS
  • Formato COMPACT DISC
  • Data uscita 15.04.2016
  • BarCode 3700398715186
SETTIMO ALBUM IN STUDIO PER IL COMPOSITORE E CANTAUTORE MATT ELLIOTT (THIRD EYE FOUNDATION). “THE CALM BEFORE”, CON IL SUO DELICATO EQUILIBRIO TRA FOLK TRADIZIONALE E MODERNO, È UN GIOIELLO DI PRECISIONE E RAFFINATEZZA, CHE PROSEGUE QUANTO LASCIATO CON “ONLY MYOCARDIAL INFARCTION CAN BREAK YOUR HEART” (2013) CON ORIGINALITÀ E SENTIMENTO.
FILE UNDER: FOLK / ACOUSTIC ROCK / FOLK-ROCK
 
OTTIMA ACCOGLIENZA DELLA STAMPA ITALIANA:
BLOW UP (8 su 10): “Nella speranza che non arrivi mai, la tempesta, se la quiete suona così bene” (Marco Sideri)
IL MUCCHIO (8 su 10): “Ciò che stupisce durante l’ascolto di The Calm Before è la capacità di spalancare abissi mantenendo un andamento da crociera costante” (Simone Dotto)
ROCKERILLA: “(...) parte integrante della poetica di uno straordinario cantore del folk europeo contemporaneo” (Raffaello Russo)
RUMORE (8 su 10): “(...) brani lunghi come consuetudine, arrangiamenti cameristici misuratissimi, riferimenti a Platone, una voce sempre più ricca di sfumature...” (Alessandro Besselva)
 
Dal momento che stiamo celebrando il 20esimo anniversario dell’uscita di “Semtex” dei The Third Eye Foundation, uno degli album drum & bass più influenti dei nostri tempi, è quantomeno doveroso parlare della carriera del suo compositore, Matt Elliott. Matt non aveva nemmeno 16 anni quando ha deciso di interrompere gli studi per dedicarsi totalmente alla sua passione per la musica, trovando un lavoro nel famoso negozio di dischi Revolver e esibendosi come dj nei club di Bristol anche se ancora non aveva nemmeno l’età per poterli frequentare.
 
Inoltre, prima che questa presentazione diventi troppo noiosa, va anche detto che è un artista professionista da oltre 20 anni, richiesto da John Peel per le sue BBC session, messo sotto contratto dalla Domino Records nel 1997, contattato da Tarwater, Blonde Redhead, Mogwai, Ulver, Thurston Moore e tanti altri artisti per remix e collaborazioni. È stato uno dei pochi artisti coinvolti nella reunion dei Silver Apples ed è andato in tour con loro negli States, ha collaborato con Yann Tiersen nel 2010 e ha suonato centinaia di show in UK, Germania, Francia, Giappone, Grecia, Italia, Spagna e Portogallo. Ha inoltre partecipato ai più grandi e importanti festival come il Primavera e Tanned Tin in Spagna, Incubate e Le Guess Who nei Paesi Bassi e all’All Tomorrow’s Parties in Inghilterra.
 
Per il nuovo album “The Calm Before”, il suo settimo, Matt Elliott ha chiamato ancora una volta David Chalmin alla produzione e i musicisti già presenti nel suo precedente “Only Myocardial Infarction Can Break Your Heart” (2013) per realizzare sei nuovi capolavori.
 
Sebbene si possano considerare queste nuove tracce come un logico proseguo del suo precedente lavoro, un ascoltatore attento saprà apprezzare il grande lavoro dietro alla musica e al contenuti dei testi, cogliendo una volta per tutte l’arte di Matt Elliott. I virtuosismi di una chitarra folk influenzata da paesi Europei e mediterranei, brani che iniziano con melodie quasi sospirate per riempirsi di tempeste sonore, la sua voce profonda e forte che raggiunge nuovi apici canori e il suo modo anticonvenzionale di fare musica vengono fuori perfettamente.
 
Ma si dovrebbe considerare la poesia di Matt come un’arte a parte. Abbiamo provato a chiedergli di sviluppare i temi di queste nuove canzoni ma Matt odia parlare dei suoi testi, preferisce lasciare i significati dei brani aperti all’interpretazione. Ma abbiamo preso tutti e tutto ciò che Matt ama e li abbiamo messi insieme in una stanza minacciandolo finché non ha finalmente ammesso ciò che si nasconde dietro i brani di “The Calm Before”.
 
“The Calm Before si riferisce naturalmente all’espressione ‘the calm before the storm’ (la quiete dopo la tempesta). La canzone in sé parla di quei momenti della vita sconvolti da una tempesta, che sia essa una circostanza, una persona o un mix di sensazioni, turbolenze, problemi che si trascinano, ma una tempesta porta anche qualcos’altro con sé, pulisce e rischiara l’aria e può spingerti verso nuove situazioni”.
 
Matt Elliott è stato educato in una comune religiosa e come tanti altri nella stessa situazione, ne è uscito profondamente e psicologicamente turbato. ‘The Feast of St. Stephen’ è una canzone introspettiva sui suoi pensieri di bambino e sulle pressioni psicologiche, gli abusi e le manipolazioni presenti in tutti i gruppi sociali delle organizzazioni religiose.
 
Per lui “‘I Only Wanted to Give You Everything’ non ha bisogno di spiegazioni, il testo è chiaro e la musica esprime le frustrazioni del rifiuto. ‘Wings & Crown’ è una canzone su coloro che corrono sul filo della precarietà del loro potere. Si tratta di perdere la grazia di Dio o anche del desiderare che un qualche politico corrotto decada”. Non ha senso sottolineare che il soggetto potrebbe rifarsi anche a qualche artista egotista, e come spesso accade, la canzone potrebbe parlare di Matt stesso. Matt continua: “‘The Allegory of the Cave’ si rifà alla celeberrima allegoria della caverna di Platone e se non la conoscete probabilmente dovreste alzarvi e fare una passeggiata nel deserto… ma seriamente, l’allegoria parla dell’umanità in relazione al grande universo e a ciò che giace oltre il limite. Platone afferma che l’umanità è come un uomo in una caverna con le mani incatenate mentre l’universo è proiettato sui muri della stessa, e siccome l’uomo vede delle ombre ma è impossibilitato a girarsi, può solo indovinare cosa rappresentino. La canzone è una passeggiata esistenziale, siamo solo un branco di cellule? Cosa fa andare avanti le nostre menti dopo la morte?” Da agnostico Matt risponde che semplicemente non possiamo saperlo. Nel suo fascino tipicamente pessimistico considera l’alternativa di tornare in vita per ripetere tutte le sofferenze e il dolore già affrontato e il vuoto eterno ugualmente tragiche. Questo ragazzo sembra non essere mai felice.
 
Con “The Calm Before” Matt Elliott ha creato un altro capolavoro, aggiungendo un altro prezioso tassello al suo mosaico di musica folk contemporanea.
 
 

I clienti che hanno acquistato questo articolo hanno acquistato anche:

The Brothel

IL TERZO ALBUM IN CARRIERA DELLA PIANISTA E COMPOSITRICE NORVEGESE, PRIMO AD USCIRE FUORI DAI CONFINI SCANDINAVI È PRODOTTO DA LARS HORNTVETH (JAGA JAZZIST E THE NATIONAL BANK). SUSANNE HA VINTO RECENTEMENTE IL PREMIO SPELLEMAN, IL GRAMMY NORVEGESE COME MIGLIOR ARTISTA!   FILE UNDER: ...

  • Etichetta GRONLAND
  • Formato LP
  • Data uscita 16.05.2011
Kveldssanger

...

  • Etichetta VOICES MUSIC
  • Formato COMPACT DISC
  • Data uscita 01.01.2003
Skogslandskap

Vàli è un progetto di NEO FOLK norvegese che ha attirato l’ attenzione dei fan delle sonorità nordiche con il debut album “Forlatt” del 2004, un lavoro realizzato con chitarra acustica, flauto e violoncello. Ecco adesso il secondo album ...

  • Etichetta AUERBACH
  • Formato COMPACT DISC
  • Data uscita 30.09.2013
Hybris

HYBRIS, PRONUNCIATO UBRIS NON IBRIS, È IL SECONDO DISCO DEI FASK DOPO L’ESORDIO PRODOTTO DA GIULIO FAVERO E REALIZZATO DA APPINO SULLA SUA ICE FOR EVERYONE. È UN DISCO NEL NOME DELL'AMICIZIA PERCHÉ REALIZZATO CON STRUMENTI, CONSIGLI ED ENERGIE DI CARI AMICI. È UN ...

  • Etichetta WOODWORM
  • Formato COMPACT DISC
  • Data uscita 18.03.2013
A Flock Of Seagulls

La popolare band new romantic/electro pop di Liverpool A Flock Of Seagulls (nome preso da un verso di “Toiler On The Sea” degli Stranglers) ebbe un notevole successo di vendite tra il 1982 e il 1995 grazie a cinque albums usciti per la Jive Records, il primo dei quali è questo ...

  • Etichetta CHERRY POP
  • Formato COMPACT DISC
  • Data uscita 02.05.2011
Automatic

IL NUOVISSIMO ALBUM DEI PIONIERI DEL ROCK ELETTRONICO VNV NATION CONFERMA LA LORO INNATA ABILITÀ NEL COMBINARE UN’ELETTRONICA MELODICA E DANZABILE CON TESTI AFFASCINANTI E POTENTI.   FILE UNDER: ELECTRO / ROCK   Il nuovissimo album dei pionieri del rock elettronico VNV ...

 
« | Indietro