Ricerca:
Lingue: Italiano English
 
WOLF PARADE

Cry Cry Cry

Prezzo: € 14,90
  • Etichetta SUB POP
  • Formato COMPACT DISC
  • Data uscita 06.10.2017
  • BarCode 098787121223

QUARTO ALBUM PER LA PROROMPENTE BAND WOLF PARADE. “CRY CRY CRY”, PRIMO ALBUM IN 7 ANNI – E DOPO LA PAUSA INIZIATA NEL 2010 – DA SFOGO AL LORO SOUND ROCK GLAM-PROG CON 11 BRANI TRAVOLGENTI. SONORITÀ MARCATAMENTE ELETTRICHE, CHITARRE DILAGANTI E TASTIERE CAOTICHE, RENDONO “CRY CRY CRY” UN PERFETTO RITORNO SULLE SCENE

FILE UNDER: ALTERNATIVE / ROCK / PROG / GLAM / SYNTH

“La band stessa è quasi un quinto membro della band, qualcosa come la somma delle parti” afferma Spencer Krug (Wolf Parade). “Non sappiamo chi o cosa sia responsabile del nostro sound, è solo un qualcosa che è scaturita naturalmente e costantemente da questa particolare combinazione di musicisti”.

Quel sound – complesso ma riconoscibile, un’energica infusione di glam, prog, synth-rock e disagio soddisfacente – ha contribuito a dare definizione all’indie-rock degli anni 2000 con 3 acclamati e celebrati album e una prorompente fan base, rimasta fedele ai Wolf Parade anche in occasione della pausa del 2010.

Una cauta reunion nel 2014 ha portato all’uscita di “EP4” nel 2016 e a una serie di affollatissimi show in giro per la nazione.

E adesso il Wolf Parade sono tornati con “Cry, Cry, Cry”, il loro primo album in 7 anni. Primo album ad essere prodotto dalla leggenda John Goodmanson (Bikini Kill, Sleater-Kinney, Unwound) ai Robert Lang Studios fuori Seattle, “Cry Cry Cry” è inconfondibilmente Wolf Parede – ma con rinnovata attenzione e creatività, proprio ciò che fan e pubblico avevano bisogno di sentire da loro. L’album mette insieme ciò che rende i Wolf Parade così unicamente elettrici – i crescenti ritornelli, inni stimolanti, chitarre irregolari e dilaganti e caotiche tastiere – e trova il modo di lasciare spazio al loro miglior materiale progressive mai composto. È anche un gradito ritorno a Sub Pop, che ha pubblicato tutti e 3 i precedenti lavori della band.

Nel periodo di lontananza, la band si è divisa geograficamente e si è concentrata su famiglia e altri lavori – Spencer sul suo progetto solista Moonface, Dan Boeckner con le sue band Handsome Furs, Operators e Divine Fits (con Britt Daniel degli Spoon), Dante De Caro su dischi con Carey Mercer (Frog Eyes) e Blackout Beach, mentre Arlen Thompson ha dedicato il suo tempo a fare il padre e a trovare un lavoro “normale”. Questa pausa ha dato modo a dei Wolf Parade più forti e tosti di emergere, e ricominciare con determinazione da dove avevano interrotto.

TRACKLIST: 1. Lazarus Online 2. You’re Dreaming 3. Valley Boy 4. Incantation 5. Files on the Sun 6. Baby Blue 7. Weaponized 8. Who Are Ya 9. Am I an Alien Here 10. Artificial Life 11. King of Piss and Paper

 

 
« | Indietro