Ricerca:
Lingue: Italiano English
 
METZ

Ii

Prezzo: € 14,90
  • Etichetta SUB POP
  • Formato COMPACT DISC
  • Data uscita 27.04.2015
  • BarCode 098787112023
A DETTA DEL FRONTMAN ALEX EDKINS, IL PRECEDENTE DEI METZ SUONAVA A VOLTE TROPPO PULITO E FREDDO. QUESTA SECONDA OPERA, INVECE, SUONA PIU’ RUMOROSA E SENZA ALCUN COMPROMESSO ULTERIORE. UN LAVORO LUNGO UN ANNO PER RAGGIUNGERE IN STUDIO LA STESSA QUALITÀ E INTENSITÀ CHE LA BAND MOSTRA DAL VIVO!
 
FILE UNDER: NOISE ROCK / ALTERNATIVE
 
Quasi tutte le band di questo pianeta cominciano a fare musica per il semplice piacere di star bene, di fare qualcosa di buono senza la pretesa di farne un lavoro fisso. Così è stato anche per i METZ, fino a quando qualcosa è cambiato. Tutto d'un tratto la band si è trovata circondata da aspettative e pressioni, reali o immaginarie, a detta di Alex Edkins, frontman della band.
Ma i ragazzi hanno tenuto botta alla grande e dopo due anni in giro per il mondo, il 2014 è stato interamente speso nella scrittura di nuove canzoni e nella registrazione di “METZ II”.
 
Le chitarre sono colossali, la batteria ruvida, le voci spaventose ed il volume consigliato, fuckin’ loud. Oltre agli strumenti convenzionali sono state usate anche chitarre baritonali, tape loops, pianoforte e synth. Nonostante questi nuovi elementi i METZ sono riusciti a rimanere fedeli a ciò che secondo loro è riuscito a farli spiccare: quell’immediatezza che ti colpisce allo stomaco.
 
Una serie di 10 canzoni dalla ferocia abrasiva come Sub Pop non ha mai avuto tra le mani prima. Per raggiungere un livello simile la band si è rinchiusa in sé stessa per sei mesi, muovendosi tra ben tre studi di registrazione, e ritrovandosi a gestire diversi materiali da assemblare faticosamente.
 
L’ispirazione per i testi è venuta da un anno di perdite e di dubbi per Edkins, contemplando l’intimo rapporto fra la morte e il pianeta. Un artista che si ritiene abbastanza pessimista, ma di un pessimismo cosciente delle grandi fortune che si ritrova. L’album muove dalle pazzie che ruotano intorno ad ognuno di noi nella vita di ogni giorno: dal modo di relazionarsi delle persone a come i media, i politici, le tecnologie, i soldi e le medicine influenzano la nostra vita. Questa band è quindi un’ottima valvola di sfogo.
 
E’ la pura essenza di ciò che sono i METZ. Dei ragazzi che non puliranno mai il loro suono solo per passare in radio, ma che non possono che essere soddisfatti della loro seconda fatica. “METZ II”, una fatica che suona davvero alla grande.
 
 
« | Indietro